Il diritto amministrativo regola i rapporti che intercorrono tra il cittadino e la pubblica amministrazione, oppure tra le pubbliche amministrazioni tra di loro.

A fronte del “potere” dell’Ente Pubblico, che può essere inteso, tecnicamente, come la capacità dell’amministrazione di adottare una decisione vincolante per il soggetto privato senza che occorra il suo consenso, quest’ultimo gode di una posizione di “interesse legittimo”, ossia di un interesse a che l’azione amministrativa si svolga nel rispetto delle norme dell’ordinamento.

Ciò significa che egli potrà, in un certo numero di casi, chiedere l’annullamento del provvedimento amministrativo, qualora naturalmente esso sia illegittimo, ed ottenere così dal Giudice Amministrativo il risultato al quale egli ambisce. In altri casi il privato potrà avanzare una richiesta di risarcimento dei danni (azione di condanna), mentre in altri casi ancora egli potrà chiedere “l’accertamento” di una data situazione di fatto o di diritto (azione di accertamento).

Si parla di diritto amministrativo ogniqualvolta, ad esempio, un concorso o un esame pubblico non sono svolti nel rispetto della legge, oppure quando il Comune o il Ministero nega il rilascio di una determinata autorizzazione o di una licenza per la quale è stata presentata una domanda. Ma rientrano in questo settore del diritto anche le controversie, sempre più frequenti, che attengono al diritto ambientale, come ad esempio il rilascio di un provvedimento di V.I.A. (valutazione di impatto ambientale) o A.U.A. (autorizzazione unica ambientale).

Rientrano ancora nel diritto amministrativo le controversie in materia di appalti pubblici. In tale ambito, ad esempio, è piuttosto frequente l’assistenza del legale nei casi di illegittima esclusione di un’impresa da una gara di appalto o, ancora, nei casi di illegittima aggiudicazione della gara ad un’impresa che non aveva i requisiti per vincere la commessa pubblica.
Il nostro Studio Legale assiste la propria Clientela nel contenzioso dinanzi alle autorità giurisdizionali amministrative in ogni grado di giudizio, in relazione alle controversie ricomprese nel moderno diritto amministrativo, dagli appalti pubblici al diritto ambientale, dal diritto dei concorsi pubblici al diritto urbanistico».


Ultimi articoli dal blog sul diritto amministrativo 

SCIA edilizia e annullamento d’ufficio nel 2021: fino a quando è possibile?

LA SCIA IN AMBITO EDILIZIO E IL SUO ANNULLAMENTO Che cos’è la SCIA? La SCIA, che rappresenta l’acronimo di “segnalazione certificata di inizio attività”, è un titolo abilitativo avente natura privata, operante per le attività economiche ordinarie e nel settore dell’edilizia. Grazie ad essa, il privato non deve far altro che compilare un apposito modello…

Continua a leggere

Ricorso stabilizzazione precari 2021: come procedere? La guida definitiva spiegata passo passo.

Perché un ricorso stabilizzazione precari? Il nostro Studio Legale è da anni impegnato nella preparazione dei ricorsi per la stabilizzazione dei precari e desidera rispondere ad alcuni quesiti che frequentemente ci vengono posti su un tema tanto delicato per la sorte di migliaia di lavoratori che ambiscono ad essere assunti a tempo indeterminato. Sulla stabilizzazione…

Continua a leggere

Stabilizzazione dei precari e scorrimento delle graduatorie nel Decreto Madia del 2017: quale prevale?

In questo approfondimento ci occupiamo di un tema particolarmente spinoso, che si riallaccia ad alcune nostre precedenti riflessioni in tema di scorrimento graduatorie e di stabilizzazione precari: la questione cioè del rapporto tra i vari “metodi” di assunzione del personale presso l’Amministrazione pubblica. Come sappiamo, infatti, le Amministrazioni possono assumere del personale principalmente attraverso i…

Continua a leggere